La Cantina

Vini Rossi

Amarone della Valpolicella (Negrar)

Rosso granato denso e compatto. Situato nel cuore della Valpolicella Classica ad una altimetria da i 150 a 450 metri s.l.m, con esposizione sud-est. Tipologia del terreno varia. Bouquet di grande intensità e persistenza, con profumi eterei, fruttati di amarene sotto spirito e prugna secca, floreali fiori secchi e tutta una gamma olfattiva di spezie dolci. Denota struttura e decisa morbidezza, contrappunto di una vellutata tannicità.

Morellino di Scansano docg (Bruni)

Prodotto con uve di Sangiovese (85%) – Merlot, derivanti dai vigneti più giovani, situati nella zona di denominazione ad una altitudine 150 m slm. Dopo una cernita in campo, le uve seguono un processo di macerazione, a temperatura controllata, della durata di circa 10/14 giorni. Superato l’inverno, il prodotto ottenuto, viene affinato in botti di acciaio, per alcuni mesi. Di color rubino intenso, è un vino dai profumi fruttati, nobile ed elegante.

Refosco dal peduncolo rosso (Cormons)

Rosso rubino quasi nero,assai vivace, molto tannico, talvolta di una piace-vole asprezza, mitigata dall’intenso profumo di ribes nero, lampone, mora. Il sapore è fresco e di buona stoffa, per l’elevata acidità totale. E’ il diretto discendente di uno dei vini preferiti sulla tavola degli imperatori romani, il Pucinum, vino aquileiese di cui Plinio il Vecchio decantava le virtù salutari. Vitigno antico e robusto, resistette alla disastrosa epidemia di filossera che devastò il Friuli alla fine dell’800.

Brunello di Montalcino Pian delle Vigne (Antinori)

Di un colore rosso rubino intenso, con riflessi granati, il Brunello Pian delle Vigne ha un profumo di frutta rossa e spezie al quale si legano armoniose note di tabacco e cioccolato. Al palato risulta essere un vino equilibrato e di grande impatto. La sua vivace mineralità fa da supporto a tannini vibranti che accompagnano con eleganza tutta la degustazione.

Primitivo Triusco (Rivera)

Colore violaceo molto carico. Bouquet intenso di confettura di bacche nere come ribes e more molto pieno, caldo e morbido in bocca con note di prugna secca, cioccolato e confettura di ribes. Vecchi vigneti ad alberello oppure a spalliera piantati su terreni sabbioso-calcarei a 40-50 metri s.l.m. (Manduria) e su terreni pietrosi di collina a 300-350 metri s.l.m. (Gioia del Colle).

Nero D’Avola (Nicosia)

Rosso rubino carico, profondo nel colore, intenso e fruttato nei profumi, tipico con sentori di ciliegia e marasca, caldo e persistente in bocca. Un processo di vinificazione e affinamento svolto interamente in acciaio consente di mantenere intatte le caratteristiche varietali del Nero d’Avola.

Syrah (Nicosia)

Rosso intenso con riflessi violacei. Vino di grande piacevolezza, ha profumi che ricordano la confettura e il pepe nero. Corposo vellutato in bocca, ripropone in pieno quelle caratteristiche varietali che la luminosità del suolo siciliano esalta in maniera speciale.

Barolo (Conterno)

Rosso granato con riflessi aranciati. Al naso si presenta intenso e persistente, che tende a prediligere, a seconda dello stato evolutivo, note fruttate e floreali come viola e vaniglia o note terziarie come goudron e spezie. In bocca le componenti "dure" risultano piacevolmente equilibrate da quelle "morbide", con una intensità e persistenza eccezionali che fanno del Barolo un vino potente, elegante e di grande personalità.

Gattinara (Torraccia del Piantavigna)

Ottenuto da uve nebbiolo al 100%, coltivate sulle colline porfiriche del comune di Gattinara con una resa di 45 quintali per ettaro. L’affinamento inizia in vasche d’acciaio, dove avviene un primo illimpidimento naturale di 2 mesi. In seguito, in botti di rovere francese (tipologia allier) di media grandezza (23-28 ettolitri) l’affinamento prosegue per 36 mesi, durante i quali vengono eseguiti controlli trimestrali e circa 5-6 travasi, generalmente in primavera. Viene imbottigliato in una bottiglia ispirata nella forma a un esemplare dei primi del Novecento. Affina in bottiglia coricata per 6 mesi prima della commercializzazione.

Nobile di Montepulciano (Avignonesi)

Abbondanza di frutta fresca e matura, tipica del Sangiovese. Equilibrio, struttura ed acidità sono ben bilanciati, promettendo un lungo potenziale di affinamento in bottiglia. Le note balsamiche donano carattere al profilo aromatico, inclusi i sentori di eucalipto.

Chianti Riserva Ducale (Ruffino)

Fin dall'inizio della sua produzione questo vino è diventato sinonimo della parola Chianti di alto pregio, e da pioniere ha contribuito allo sviluppo della fama dei vini toscani di qualità nel mondo. Su molti mercati questo Chianti Classico Riserva ha, infatti, trasceso la sua categoria, conosciuto semplicemente come "Riserva Ducale", un marchio a sè stante. Riserva Ducale è riuscito a mantenere nel tempo la sua grande reputazione, grazie al desiderio di Ruffino di ottenere sempre la massima espressione di qualità dalle uve Sangiovese, coltivate sulle colline del Chianti Classico.

Vini Bianchi

Vermentino (Su Puddu)

Paglierino. Vino bianco secco ma delicatamente morbido, con prorompenti note di mela gialla, pepe bianco, papaia, mandarino, ortica e malva. In bocca mostra un'eleganza e struttura considerevole.

Ribolla Gialla (Cormons)

Godibilissimo, è caratterizzato da una sensazione immediata difreschezza e vivacità, accentuata da un delizioso sentore di limone. Vitigno di ntichissima origine, forse era l’antico “avola” impiantato dai Romani. Coltivato sulle colline eoceniche del Goriziano, era il vitigno più diffuso in questa zona. Prodotto con uve Ribolla Gialla doc Colli Orientali del Friuli, rigorosamente vendemmiate a mano, provenienti da vitigni impiantati a un altezza di 202 metri s.l.m.

Gewürztraminer (Juliane)

Dal colore intenso giallo paglierino con ricchi riflessi dorati. All'assaggio è fresco e delicato, di buona persistenza.Particolarmente aromatico, pieno ed intenso, il suo profumo inebria per la sua ricchezza, i sentori che emergono ricordano frutti esotici, fiori, agrumi e spezie come ananas, mango, maracuya, la rosa, la scorza d'arancia ed ancora, menta piperita, pepe, chiodo di garofano e panpepato.

Müller Thurgau (Juliane)

Paglierino traslucido. Fiori di campo, pera e albicocca acerba al naso. Vivida freschezza e sostenuta mineralità completano il quadro. Vinificazione tradizionale in bianco, le uve vengono pigiate leggermente, il mosto liberato dai sedimenti per precipitazione naturale e lasciato fermentare a una temperatura controllata di 20° C.

Frascati Superiore (Casata Mergè)

Paglierino con lievi venature minerali. Buon frutto bianco al naso. In bocca è di giusta pienezza, buona la nota acida che conferisce adeguato nerbo. Le uve vengono raccolte a mano, messe in cassette e una volta in cantina, pigiate, diraspate e vinificate, previa macerazione a temperatura controllata per almeno 12 ore.

Pecorino (Moncaro)

Luminescenza cristallina, di colore giallo paglierino tenue, con vividi riflessi verdolini, di buona consistenza. Al naso, di buona intensità e finezza, richiama le tipologie mediterranee del vitigno Pecorino. Schiettamente fruttato di mela renetta, fiori di rovo e aneto. È franco, fragrante e di media complessità. Dal gusto secco ma morbido e caldo all’alcol, richiama al palato, con lunga persistenza, le tipologie del vitigno. Vivace di freschezza e ricco di mineralità, si allunga di percezioni saporifiche che ricordano lo stesso pomo. Il corpo consistente è supportato da una buona acidità e finezza. Perfetto è l’equilibrio fra le parti con finale di buona armonia.

Verdicchio di Jesi (Moncaro)

Il brillare del suo giallo paglierino tenue, virgolato di verde, ne annuncia tutta la freschezza. Al naso i profumi primari si espandono a decisi sentori fruttati di pesca bianca, agrumi, mele, con delicate percezioni amarognole, tipiche del vitigno. Fine e piacevolissimo, è supportato da buona intensità e prolungata estensione odorigena. Dal gusto secco e morbido, per favorirne volutamente la freschezza. Il suo giusto tenore alcolico, con un'ottima intensità e persistenza, si affianca egregiamente alle ben percettibili acidità e sapidità, tipiche dei vini da gustare in giovinezza. L'equilibrio quindi è ben dosato in un vino nato per godersi in estate, ma che si lascia apprezzare durante tutto l'anno.

Vino degli Angeli (Cormons)

Pochi vini rappresentano il frutto del lavoro, ma anche di una passione comune e coinvolgente per la viticoltura e per l’enologia di alta qualità come il Passito “Vino degli Angeli”, frutto di un lavoro collettivo teso a dare un risultato sopraffino a livello qualitativo: le uve a bacca bianca di Verduzzo Friulano, Tocai Friulano, Sauvignon e Pinot Bianco sono alla base di questo vino ineffabile e inimitabile, che per questo è stato chiamato “Vino degli Angeli”.